Recensioni

Recensione Perfect 2 Le imperfezioni del cuore

 

2.jpg

La recensione di Benedetta

Per ogni recensione che scrivo c’è una colonna sonora che mi ricorda quella storia, che mi smuove dentro qualcosa, che mi rammenta la storia incredibile che ho appena finito di leggere.

La canzone che oggi mi accompagna in questo viaggio, che scioglie lentamente quei nodi creati dall’emozione stessa è Just a boy di Angus and Julia Stone.

Spero che su queste dolci note le mie parole scivolino via rapide sulla tastiera, lo spero perché potrebbe risultare difficile parlare di qualcosa che ti ha toccato nel profondo, che ha riaperto una delle tue crepe, che ha affisso i tuoi ricordi nuovamente in alto, trascinandoli fuori da quell’angolo oscuro, da quel posto speciale dell’anima in cui archiviamo quelle piccole parti di noi, quei frammenti della nostra storia, delle nostre vite che sembrano innescare quell’improvvisa malinconia, che si trasforma in un milione di brividi pronti a impossessarsi del tuo corpo.

Oggi voglio aprire il mio cuore a te lettore, proprio come è riuscita a farlo Alison G. Bailey raccontando la storia Brad e Mabry.

È sempre incredibilmente complicato trascinare la propria anima su un foglio word, è sempre complicato mostrare il proprio cuore, perché donare anche solo un briciolo di quel muscolo che batte seguendo un ritmo costante nel petto, è un vero e proprio atto di coraggio.

Dietro i romanzi di Alison G. Bailey c’è sempre una carica fortissima che porta via con sé il lettore travolgendolo nella storia stessa.

Ho letto tutti i libri di questa autrice eccezionale e posso affermare che ha questa capacità pazzesca di inchiodare gli occhi del lettore alle pagine, di far sentire quello stesso lettore nudo di fronte al mondo intero, pronto a combattere con i propri ricordi, la propria anima, i propri dolori.

Ci sono libri che sembrano curare l’anima, libri che riescono a far sanguinare e poi rimarginare quelle stesse ferite. L’autrice di Perfect 2 ha questa dote, lei scava nella tua anima pur non conoscendoti.

Non sono sicura che Alison G. Bailey se ne renda conto, ma penso che la sua capacità di arrivare al lettore, di squarciare l’anima di chi legge per poi lentamente ricucirla sia una cosa meravigliosa.

Ho letto Past Imperfect  in inglese perché non potevo proprio aspettare l’uscita italiana, ero molto curiosa, volevo proprio capire come avrei potuto perdonare Brad, ma sapevo che l’autrice non avrebbe mai deluso le mie aspettative.

Dietro un bad boy c’è sempre un grande trauma, è vero. Non sempre però gli autori delineano i bad boy nel modo corretto, invece leggendo questa storia si percepisce subito il grande, immenso dolore contro cui lotta Brad e la difficoltà di accettare se stessa con la quale lotta Mabry.

Mabry e Brad sono due anime distrutte, hanno creato una barriera con il mondo, preferiscono rimanere nascosti dietro una facciata che non mostra il disagio e la lotta inarrestabile contro i ricordi che hanno segnato le proprie vite. Brad in Mabry vede qualcosa di assolutamente speciale, non è solo la bellezza incredibile della ragazza a coinvolgerlo, ma è ciò che lo sguardo di Mabry riesce a smuovergli dentro.

PicMonkey Image.jpg

 

Per la prima volta lui si sente al sicuro con lei, sente che c’è qualcuno nella vita su cui poter contare, sente che Mabry lo percepisce per ciò che è, che coglie la sua essenza, che lo fa sentire per la prima volta amato. Mabry prova la stessa cosa per Brad, ma il suo passato la costringere a sbatterlo fuori dalla sua vita a non accettare la possibilità di essere felice per la paura che quella sua stessa felicità le si ritorca contro.

ecb613928ac2b04a55196cb2bbd376ee

Siamo fatti di  cuore, mente, respiro e ricordi.

Siamo anime in continuo combattimento con il passato, ma quando il passato archiviato, messo da parte torna a scontrarsi con il presente ci sentiamo stanchi, soli, demotivati ed è proprio quel continuo cadere, quel continuo non avere la forza che ci costringe a volte a rinunciare a ciò che di meglio potremmo avere.

Alison G. Bailey racconta ancora una volta una storia d’amore meravigliosa, ma racconta anche la storia difficile che Mabry combatte con sé stessa e con il mondo che la circonda, quello stesso mondo che l’ha rifiutata, che non ha lottato per lei, che non l’ha protetta.

Brad ha una cicatrice nascosta nel profondo della sua anima, ha un ricordo ingombrante che ritornerà a impossessarsi della sua vita, a stravolgere il suo vissuto, ma Brad diviene l’uomo che ogni donna vorrebbe incontrare, combatte contro quello stesso ricordo e non smette mai, neanche per un secondo di proteggere la sua Mabry.

Forse perché in fondo al tunnel c’è sempre luce, forse perché quella luce che travolti dall’oscurità non siamo in grado di cogliere, improvvisamente ci travolge, ci riempie, ci disintegra per poi ricomporci. Quel fascio di luce è la forza dell’amore, di quell’amore che lega con un solo sguardo i corpi e le anime, che stringe una mano nell’altra, che permette a quelle stesse anime di camminare l’uno accanto all’altra, che fa sentire gli uomini meno soli lungo un percorso fangoso e torbido dove l’unica cosa che ti spinge a perseverare nel cammino è quella stessa mano che non ha mai smesso di stringere la tua.

Perfect 4.jpg

Cinque stelle piene, per una storia eccezionale.

Gioia, dolore, ironia, sorrisi e lacrime. Siate pronti a farvi sconvolgere da tutto questo. Non ve ne pentirete.

La recensione di Silvia

Mi è bastato un contatto con la penna di Alison G. Bailey per diventarne dipendente. Quando ho letto Perfect-La perfezione di un attimo ho provato un cocktail completo di emozioni tanto forti da sentirmi un po’ brilla una volta girata l’ultima pagina. Ho recuperato quasi tutti i romanzi di quest’autrice in lingua nell’attesa che arrivassero in Italia e, sono felice di poter confermare, quella prima impressione. Quando ho saputo che Perfect era, in realtà, una serie mai mi sarei aspettata che il secondo volume avrebbe avuto come protagonista proprio Brad, il cattivo ragazzo della situazione. Il ricordo che questo personaggio mi aveva lasciato di sé non era per nulla positivo e mi chiedevo come avrebbe potuto l’autrice farmi apprezzare un personaggio che tanto avevo odiato. Queste perplessità hanno innescato nella mia testa una curiosità sempre crescente e la domanda che mi sono posta prima di iniziare a leggere Perfect2 è stata: Riuscirò a perdonare Brad?

PicMonkey Image

Che dire… assolutamente sì! Brad è stato un cattivo ragazzo, uno di quelli a cui non importa nulla degli altri, solo di se stesso. Almeno, questo è quello che ci viene fatto credere all’inizio. Alison G. Bailey ci mostra cosa si cela dietro alla facciata di un ragazzo meschino. Ci mostra come, a volte, le persone possono veramente cambiare anche se il motivo di tale cambiamento è una pugnalata nel petto. È stato bello conoscere questo nuovo Brad, un uomo degno di amare ed essere amato a sua volta. Ancora più bello, però, è stato assistere, pagina dopo pagina, a questo cambiamento. Sono di natura una persona diffidente, ma penso che ogni tanto l’essere umano abbia bisogno di fidarsi abbastanza da concedere a chi gli sta attorno di dimostrare di essere una persona nuova, di aver imparato abbastanza dai propri errori da non commetterli mai più. Il personaggio femminile, la donna che è stata capace di far capitolare Brad, si chiama Mabry. È una ragazza bellissima, brillante con un passato alle spalle che scopriremo piano piano. Un passato di quelli che ti lacerano e che ti segnano per tutta la vita. Ed è proprio così che ci appare Mabry: una giovane donna segnata dalla vita che tenta di nascondere con tutta se stessa una cicatrice che non si è mai rimarginata, anzi, si allarga sempre più fino a ridurla in brandelli.

Perfect 3

Questa che ci racconta Alison G. Bailey è, a mio parere, una storia più matura rispetto alla precedente. Non tanto per le tematiche, ma per il modo in cui vengono presentate. I protagonisti sono più grandi e di conseguenza più maturi. Usciremo dall’ambiente scolastico per entrare in un mondo più adulto, anche se l’alternanza dei piani temporali PRESENTE e PASSATO utilizzato dall’autrice ci dona una visione completa anche degli anni precedenti l’inizio della storia. Perfect2-Le imperfezioni del cuore è un romanzo che lascia il segno. Durante la lettura ho sentito distintamente ogni singola crepa che è andata a formarsi nel mio petto e, nonostante l’autrice abbia saputo lenire le ferite procurate, ci sono voluti giorni dopo la lettura per assimilare completamente questa storia. Se cercate una storia romantica, tormentata, per nulla scontata e che vi tenga incollate alle pagine… non perdetevi Perfect2!

e9dc61df4d62a6ffed03429aa989872d

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...